Aumenta in Italia la diffusione della fibra ottica FTTH e FTTB

L’FTTH Council ha attestato che l’Italia tra il settembre 2019 e il settembre 2020, in piena pandemia, ha connesso alla rete in fibra ottica 2,8 milioni di abitazioni portando il nostro Paese al secondo posto in Europa, dopo la Francia. Segue al terzo posto la Germania con 2,7 milioni di connessioni. 

L'italia conquista il secondo posto in Europa

La copertura FTTH (Fiber To The Home) e FTTB (Fiber To The Building) in Italia ha raggiunto il 41% (corrispondenti a 11 milioni di abitazioni connesse totali), riducendo il gap che la separa dalla media europea. E’ quanto emerge dal report pubblicato da IDATE per l’Associazione Europea della Fibra Council Europe, un’organizzazione composta da imprese europee che ha l’obiettivo di accelerare la diffusione della rete in fibra ottica in tutta Europa.  

Il nuovo rapporto presenta una fotografia dello sviluppo della copertura e della diffusione delle reti in fibra in Europa. Si tratta di un traguardo importante per l’Italia, che solo fino a qualche anno fa era il fanalino di coda dell’Europa. Solo nell’ultimo anno il nostro Paese ha guadagnato ben dieci punti percentuali in termini di crescita della copertura FTTH/B. 

Quale sarà il futuro della fibra ottica in Italia?

La direzione è quella giusta, ma c’è ancora molta strada da fare al fine di ridurre il gap infrastrutturale e di conseguenza il digital divide. Creare una rete a banda ultra larga diffusa in modo capillare in tutto il territorio nazionale è solo il primo passo, necessario è procedere con la copertura delle Aree Bianche. Rimane ancora fondamentale la costante collaborazione con le Istituzioni, in modo tale da consentire ai cittadini di accedere al più presto a queste tecnologie.