MODEM ALTERNATIVI
Tutto quello che hai bisogno di sapere se vuoi usare un modem alternativo a quello fornito da Fastweb
COMPATIBILITÀ TECNICHE DEL MODEM DI PROPRIETÀ DEL CLIENTE
In questa pagina Nexim fornisce le indicazioni tecniche necessarie per una corretta configurazione della connessione ad Internet su rete Adsl Rame, Fibra mista rame FTTN e Fibra FTTH, per tutti i clienti che decidano di utilizzare un modem diverso da quello fornito da noi ed incluso nell'offerta, e quindi alternativo al NeximBOX.
1. Servizio solo dati e servizio dati+voce con fonia erogata in modalità tradizionale (POTS)
Per soddisfare le migliori prestazioni e performance per interfacciarsi correttamente con la rete Adsl Rame di Nexim, è necessario che il modem disponga delle seguenti caratteristiche tecniche, quali:

- Supporto dello standard ADSL2+ (ITU-T G.992.5)
- Configurabilità dei parametri di rete con le seguenti impostazioni:
    -VPI/VCI: 8/36
    -Protocollo: RFC 2684 bridged (dinamico)
    -Incapsulamento: LLC
-DHCP client abilitato sull'interfaccia WAN per acquisizione dinamica dell'indirizzo IP
-Configurabilità dei parametri di LAN con le seguenti impostazioni:
    -DHCP server abilitato per assegnazione dinamica degli indirizzi agli apparati connessi in LAN
    -Funzionamento del modem in modalità routed (NAT abilitato)
Per soddisfare le migliori prestazioni e performance per interfacciarsi correttamente con la rete Fibra mista rame FTTN di Nexim, è necessario che il modem disponga delle seguenti caratteristiche tecniche, quali:
-Supporto standard VDSL2 (ITU-T G.993.2) fino al profilo 35b
-Supporto Seamless Rate Adaptation (SRA)
-Supporto retransmission G.INP (ITU-T G.998.4)
-Supporto vectoring (ITU-T G.993.5)
-Configurabilità dei parametri di rete con le seguenti impostazioni:
    -Incapsulamento PTM untagged / Incapsulamento PTM tagged (VLAN ID 100; CoS 0)
-DHCP client abilitato sull'interfaccia WAN per acquisizione dinamica dell'indirizzo IP
-Configurabilità dei parametri di LAN con le seguenti impostazioni:
    -DHCP server abilitato per assegnazione dinamica degli indirizzi agli apparati connessi in LAN
    -Funzionamento del modem in modalità routed (NAT abilitato)
2. Servizio dati+voce con fonia erogata in modalità VoIP
Per soddisfare le migliori prestazioni e performance per interfacciarsi correttamente con la rete Adsl Rame di Fastweb, è necessario che il modem disponga delle seguenti caratteristiche tecniche, quali:

- Supporto dello standard ADSL2+ (ITU-T G.992.5)
- Configurabilità dei parametri di rete con le seguenti impostazioni:
    -Accesso non Bitstream - VPI/VCI: 8/35
    -Accesso Bitstream - VPI/VCI: 8/35 per solo traffico voce; VPI/VCI: 8/36 per traffico dati
    -Protocollo: RFC 2684 bridged (dinamico)
    -Incapsulamento: LLC
-DHCP client abilitato sull'interfaccia WAN per acquisizione dinamica dell'indirizzo IP su PVC 8/35
-Configurazione statica dell'indirizzamento su PVC 8/36
-Configurabilità dei parametri di LAN con le seguenti impostazioni:
    -DHCP server abilitato per assegnazione dinamica degli indirizzi agli apparati connessi in LAN
    -Funzionamento del modem in modalità routed (NAT abilitato)
Per soddisfare le migliori prestazioni e performance per interfacciarsi correttamente con la rete Fibra mista rame FTTN di Fastweb, è necessario che il modem disponga delle seguenti caratteristiche tecniche, quali:
-Supporto standard VDSL2 (ITU-T G.993.2) fino al profilo 35b
-Supporto Seamless Rate Adaptation (SRA)
-Supporto retransmission G.INP (ITU-T G.998.4)
-Supporto vectoring (ITU-T G.993.5)
-Configurabilità dei parametri di rete con le seguenti impostazioni:
    -Incapsulamento PTM untagged / Incapsulamento PTM tagged (VLAN ID 100; CoS 0 per traffico dati e CoS per traffico voce)
-DHCP client abilitato sull'interfaccia WAN per acquisizione dinamica dell'indirizzo IP
-Configurabilità dei parametri di LAN con le seguenti impostazioni:
    -DHCP server abilitato per assegnazione dinamica degli indirizzi agli apparati connessi in LAN
    -Funzionamento del modem in modalità routed (NAT abilitato)
3. Requisiti ed impostazioni relative al servizio VoIP
-Supporto SIP (RFC 3261)
-Supporto query DNS per risoluzione dell'indirizzo del proxy di accesso alla rete SIP Nexim
-Proxy SIP: voip.nexim.it
-Proxy SIP Port: 5060
-SIP Transport Protocol: UDP
-Supporto del metodo PRACK (RFC 3262)
-Supporto metodo OPTIONS
-REGISTER expires time: 3600 s
-INVITE Expires: impostato ad un valore superiore a 430 s
-Codec supportati: G.729 G.729A (inclusa versione A, NON supportate le versioni B e AB), G.711 A-law
-VAD (Voice Activity Detection): disabilitato
-Packetization time: 20ms
-Supporto toni DTMF: in-band telephone-event (RFC 2833)
-Fax protocol: solo T.38
-Marcatura QoS traffico IP:
    -SIP e RTP: DSCP CS5
    -Dati: DSCP 0

Nexim si riserva di modificare in qualunque momento i processi e le informazioni necessari al collegamento di modem di terze parti in base alle evoluzioni che i servizi e le infrastrutture di rete attueranno in futuro.
Informazioni per il cliente che utilizza un modem alternativo al NeximBOX

Nel caso di servizio fonia erogato in modalità tradizionale (POTS/PSTN), l'utilizzo di un modem alternativo al NeximBOX consente la fruizione del servizio di fonia.

Nel caso di servizio fonia erogato in modalità VoIP, qualora il cliente voglia utilizzare un modem diverso da quello fornito da Nexim, sarà tenuto a contattare il Servizio Clienti per poter configurare il proprio modem e fruire del servizio di fonia.

Il Servizio Clienti fornirà le credenziali (username e password) nonché i seguenti parametri aggiuntivi necessari per la configurazione del modem alternativo al NeximBOX: IP address, Default GW e Subnet Mask.

Nel caso in cui il cliente sia attestato su tecnologia Fibra FTTH, oltre alle credenziali fornite dal Servizio Clienti, verrà concordato un intervento di un tecnico Nexim per la configurazione dell'ONT.

Nexim informa inoltre che nel caso di utilizzo di un modem alternativo al NeximBOX incluso nell'offerta, come previsto dalla delibera Agcom n. 348/18/CONS, il cliente si assumerà le responsabilità relative agli obblighi di conformità dell'apparato nonché ai disservizi o degradi che dovessero essere causati alla rete Nexim, facendosi inoltre carico della manutenzione del modem autonomamente scelto. Maggiori informazioni sono disponibili nell'art. 8 delle Condizioni Generali di Contratto di rete fissa.

Nexim garantisce il servizio di assistenza solo in caso di problematiche legate esclusivamente alla linea Nexim.

Nexim non è responsabile di eventuali guasti, malfunzionamenti o degradi della qualità del servizio legati all'utilizzo di un modem alternativo al NeximBOX.

Nel caso di utilizzo di un modem non fornito da Nexim non sarà possibile usufruire dei seguenti servizi:

  • assistenza tecnica da operatore dedicato Nexim per diagnostica ed eventuali interventi sulle configurazioni, sull'apparato back up e ripristino configurazioni, nonché sostituzione gratuita del modem fornito da Nexim in caso di malfunzionamento;
  • aggiornamento real time delle release software per arricchimento con nuove funzionalità e miglioramento delle performance;
  • gestione full digital tramite App Nexim;
  • abilitazione ai servizi aggiuntivi specializzati Nexim previsti dall'offerta.

Per la configurazione del modem alternativo al NeximBOX, segui le istruzioni riportate nell'apposita sezione del sito Nexim, consulta la MyFastweb o contatta il Servizio Clienti. Nexim declina ogni responsabilità  per degradi o disservizi che dovessero derivare da una errata configurazione del modem alternativo al NeximBOX.

Informazioni per il fornitore del modem alternativo al NeximBOX

 

Per ulteriori chiarimenti in merito alle caratteristiche dell'interfaccia della rete su cui va allacciato il modem ed ogni altro dato necessario per poter realizzare un apparato compatibile con la rete Nexim, è possibile contattare Nexim attraverso i consueti canali istituzionali.

Nexim informa che, al fine di consentire una migliore fruizione dei servizi, garantire l'integrità e la sicurezza della propria rete nonché prevenire eventuali disservizi ai propri utenti, ai sensi della Delibera Agcom n. 348/18/CONS, gli apparati che saranno realizzati in conformità ai parametri tecnici comunicati potranno essere sottoposti ad una procedura di certificazione a carico dei fornitori stessi. Si precisa che è responsabilità dei fornitori degli apparati l'installazione, il collaudo e la manutenzione degli stessi.